Il mulino di Bentivoglio e la sua storia

Le porte del vecchio mulino si aprono. E' dicembre e all'interno non è più caldo che fuori. Sulla destra c'è una scalinata che sale fino al quarto piano dell'edificio. Con lo sguardo seguo la curva dello scorrimano che si arrampica fin lassù e non posso che rimanere a bocca aperta. Il mulino di Bentivoglio ha una storia lunga, interessante ed a tratti anche travagliata.

Bentivoglio vecchio mulino idraulicoIMulino Pizzardi di Bentivogliol primo impianto fu fatto erigere nel 1352 da Guido Lambertini, allora proprietario di tutto il territorio di Ponte Poledrano (l'attuale Bentivoglio).

Fin da quei tempi, si era compresa l'importanza della presenza del Canale Navile in questo territorio, che venne sfruttato profiquamente da tutte le proprietà qui che si sono succedute per i propri rapporti commerciali. Si pensi che nel Quattrocento, epoca in cui i Bentivoglio erano al potere, la coltura del frumento si espanse notevolmente per fare fronte alle continue richieste di approvvigionamento della città. Pertanto, possedere mulini garantiva cibo e ricchezza.

Lo aveva ben capito Giovanni II Bentivoglio che a quei tempi ne possedeva addirittura sedici. Perciò, se potessimo tornare indietro nel tempo, vedremmo un'isola (perché così si presentava Bentivoglio un tempo), formata dai due rami del Canale Navile, uno usato per il funzionamento del mulino e l'altro per la navigazione, sulla quale col passare degli anni si aggiunsero edifici e attività, molte delle quali legate appunto alla forza motrice dell'acqua. Quando i Bentivoglio furono costretti a lasciare Bologna dopo l'assedio della città messo in opera da Papa Giulio II, perdettero tutte le loro proprietà, Ponte Poledrano compreso. Alla morte di Giulio II, poterono tornare e recuperare i loro possedimenti, ma il castello ed il mulino non riacquisirono più il prestigio di un tempo.

Le mancate manutenzioni e le modifiche inappropriate delle successive proprietà non fecero altro che spingere ancora di più nell'oblìo questi gioielli della nostra pianura. Nel 1815, per volere del marchese Carlo Bentivoglio D'Aragona e su progetto dell'architetto Angelo Veronesi, vennero avviati i lavori di riqualificazione delle "fabbriche dei mulini", che si protrassero fino al 1817, anno in cui l'intera tenuta di Bentivoglio venne acquisita dalla famiglia Pizzardi. Questo passaggio di proprietà si rivelò determinante per la ripresa dell'intera tenuta agricola. Bentivoglio il nuovo Mulino Pizzardi 1890

Fu l'ultimo discendente della famiglia, Carlo Alberto Pizzardi, ad occuparsi nel 1889 di modernizzare il mulino che, nonostante fosse ancora in funzione, attraversava un momento di stagnazione causato da macchinari ormai obsoleti. L'antico edificio venne ampliato fino a raggiungere una superficie di circa 3500 metri quadrati, ripartita su quattro piani. Al suo interno, la ditta Alessandro Calzoni, installò nuovi e moderni macchinari.
Grazie al talento imprenditoriale del marchese Pizzardi la produttività del mulino e dell'intera tenuta aumentarono notevolmente. Fu una vera e propria rivoluzione industriale che condusse Bentivoglio ad un'entrata privilegiata nel Novecento. Ma le rivendicazioni socio-politiche del tempo ed alcuni tristi episodi associati alle rivolte contadine, spinsero il marchese Pizzardi a donare la grande tenuta di Bentivoglio, mulino compreso, agli Ospedali di Bologna, prima della sua morte nel 1922.

Le sorti del mulino cambiarono bruscamente. Fu sottoposto a nuovi lavori di adeguamento nel 1926 e concesso in locazione alla Società Calanchi & C. fin dal 1930.
Poi cominciò la guerra: con l'inizio dei bombardamenti degli Alleati fu demolita la ciminiera per paura che una bomba potesse entrarvi e nel 1945 fu in parte devastato dall'esplosione di un potente ordigno piazzato dai tedeschi durante la ritirata. Riprese a funzionare l'anno successivo, ma nel giro di vent'anni, gradualmente, l'attività del mulino cessò e lo stabilimento venne chiuso nel 1977, dopo 600 anni di utilizzo.
Si sarebbe dovuto attendere fino al 2014 perché il grande impianto molitorio riaprisse al pubblico.

Grazie all’impegno dei volontari dell’Associazione Amici delle vie d’acqua e dei sotterranei di Bologna in collaborazione con il Comune di Bentivoglio (divenuto proprietario nel 1992), il mulino è stato ripulito, riordinato e messo in sicurezza. Il Mulino Pizzardi oggi

Saliamo le scale lentamente e con attenzione. Ho la sensazione che nel mulino più avanziamo più andiamo indietro nel tempo. All'interno, nascosti dalla polvere e dalla penombra, sono ancora conservati impianti ed attrezzature originali installati tra il XIX ed il XX secolo: macchine per la molitura, nastri trasportatori, argani, carrucole, bilance e carretti di legno per il trasporto dei sacchi di cereali ed altri oggetti dimenticati che ora appartengono più che mai alla storia di questo luogo.

Un esempio più che raro di archeologia industriale rimasto pressoché intatto. Questa visita al mulino si è dimostrata un viaggio affascinante e curioso, un'avventura nel tempo che non ci ha risparmiato nemmeno misteriosi racconti di fantasmi e presenze che sembrerebbero essersi rivelati ad alcuni volontari e che sono stati oggetto di studio del Gruppo di Ricerca Paranormale di Imola.

Quando usciamo dallo stabilimento, veniamo di nuovo trasportati nel presente, con i suoi familiari rumori. Mentre ci allontaniamo, mi volto indietro ancora una volta pensando a come tutto sia cambiato ma a come, per uno straordinario insieme di coincidenze, questo luogo sia stato risparmiato e protetto dalla furia di un mondo in continua evoluzione. Mulino di BentivoglioSorrido: a volte rimanere indietro non costituisce necessariamente uno svantaggio.


Materiali e link utili alla scrittura dell'articolo:

- Guida di Bentivoglio. Il patrimonio storico di un borgo sul canale Navile – a cura dell'Associazione Amici delle Vie d'Acqua e dei Sotterranei di Bologna – Ed. Paolo Emilio Persiani – 2017. >

- Bentivoglio fra '800 e '900. I luoghi, le immagini - a cura di Giancarlo Roversi – Grafis Edizioni – 1986.

- Articolo di Jacopo Ibello su Heritage Time: Mulino Pizzardi – The Pizzardi flour mill - Articolo su Storia e Memoria di Bologna: Progetto per fabbrica di mulini a Bentivoglio - Video Associazione Amici delle vie d'acqua e dei sotterranei di Bologna: Il mulino di Bentivoglio e la sua storia

- Video G.R.P.I. - Gruppo Ricerca Paranormale Imola:
Prima parte Bentivoglio
Seconda parte Bentivoglio

 

Pin It
Visite: 2513