Diario di Viaggio

Visita a Castel Guelfo, il borgo fortificato

Quest'oggi mi sono recata a Castel Guelfo di Bologna. Molti dei miei lettori inorridiranno nel sentirmelo dire, ma era la mia prima visita in questa affascinante cittadina, che niente ha a che fare con il famoso fashion outlet di zona.
Sono stata invitata ad una visita guidata da una persona che ho conosciuto a Sasso Morelli quando mi ci sono recata per fare delle foto alla borgata. Gianluigi Tozzoli è un esperto ed appassionato conoscitore della storia di tutto il territorio adiacente Imola e per me è stato un piacere seguirlo mentre faceva da guida a questa visita, dedicata in particolare alle fortificazioni della città.

Visita guidata a Castel Guelfo di BolognaGianluigi ha mostrato ed illustrato ad un nutrito gruppo di persone (eravamo più di cinquanta) tutta la parte che riguarda la difesa della città, una struttura di torrioni e mura che il tempo e l'evoluzione urbanistica hanno mantenuto, fortunatamente, abbastanza intatta, spiegandoci le diverse tecniche di difesa che venivano adottate ai tempi. Abbiamo avuto inoltre modo di vedere ed apprezzare due dei torrioni della fortificazione dall'interno.

Ad accompagnarci lungo il nostro tragitto culturale alcuni ragazzi vestiti in abito d'epoca, che rappresentavano Malvezzi, la sua consorte e la sorella. C'erano inoltre gli armieri a fare da scorta sia a noi che all'intero corteo di nobili del tempo.

Nonostante il caldo opprimente della giornata (potete vedere voi stessi dalla foto quale effetto ha avuto su di me!), questa visita è stata davvero istruttiva ed illuminante.
Un nuovo argomento di cui scrivere, insomma. E malgrado si possa pensare non abbia attinenza con il nostro territorio, invece ha più collegamenti di quanti possiamo pensare.
Quali? Eh no, niente anticipazioni: ve lo svelerò nel mio articolo.