Sasso Morelli: un architetto ed il suo borgo

A qualche chilometro da Imola, lungo il torrente Correcchio, sorge Sasso Morelli, un piccolo e tranquillo paesino di origine rurale dalla storia davvero interessante.

Questa località deve il suo nome e molta della sua notorietà all'opera dell'Architetto Cosimo Morelli, che ne ha progettato e costruito il borgo di artigiani e la casa padronale, che ne costituiscono il centro.

Leggi tutto...

Il vecchio ponte di Bagno di Piano

Chiunque salga sul ponte nuovo di Sala Bolognese, potrà notare a poca distanza gli estremi di un vecchio ponte in muratura che un tempo univa diverse località altrimenti separate dal fiume Reno. Si tratta del vecchio ponte di Bagno di Piano.

Leggi tutto...

Castel Guelfo di Bologna e l’architettura difensiva medievale

Siamo tutti quanti sotto la torre dell’orologio di Castel Guelfo di Bologna in attesa di cominciare la visita. Mano a mano, il gruppo che si riunisce all’ingresso del borgo fortificato intorno a Gianluigi Tozzoli, la nostra guida, è sempre più nutrito.

Ad introdurci maggiormente nell’atmosfera tardo medievale del luogo, sono un gruppo di ragazzi che, vestiti in abiti d’epoca, interpretano le figure storicamente più importanti per il governo e la difesa della città: la famiglia Malvezzi e gli armieri.

Il gruppo si muove lungo la via centrale del borgo, osservando a sinistra il Palazzo del Podestà e la Chiesa, a destra il Palazzo Malvezzi – Hercolani, fino a raggiungere la cinta muraria sul fronte opposto.
Ed è qui che comincia la storia.

Leggi tutto...

La toponomastica popolare: come sono nate le denominazioni di vie ed edifici

In questo nuovo post, vorrei approfondire l'argomento della nomenclatura di edifici e vie già cominciato nell'articolo La Mota: una struttura e un nome che raccontano una storia a proposito della Mota di Argelato. Come dicevo, questo edificio fino a quasi un secolo fa era denominato "La Motta", poiché sorge sui resti dell'antico Castello Motta (C'era una volta il Castello Motta di Argelato. L'evoluzione dal Medioevo ad oggi), distrutto tra il XV e XVI secolo. Non ho trovato al momento prove riscontrabili del fatto che La Mota attuale sia quanto rimasto dell'antico borgo fortificato o che sia stata ricostruita successivamente.

Leggi tutto...

Da Bologna a Cento: la via Lame e le stazioni di posta per cavalli

In biblioteca continuavo ad osservare quelle mappe e non capivo come mai, con un'arteria grande come quella della via Galliera, tutti i periti agrimensori si fossero concentrati sulla via Lame, documentando in primis le località presenti fra Trebbo di Reno e Volta Reno ed escludendo Argelato. Venne in mio soccorso la bibliotecaria che, abitando a Pieve di Cento, mi fece notare che allora (intendiamo tra il 1600 ed il 1800) la strada che veniva percorsa per andare da Bologna a Cento era la via Lame, non la via Galliera. Pertanto, gran parte delle mappe e della documentazione esistente della nostra zona prende come riferimento il tratto che costeggia l'argine del fiume Reno.

Leggi tutto...

L'antica via Ronchi tra Argelato e Castel D'Argile

Zaino in spalla, macchina fotografica alla mano. Osservo curiosa gli assolati campi coltivati attorno a me. Quest'oggi ero curiosa di avventurarmi sulla via Ronchi, un'antica stradina di campagna che collega Argelato a Castel D'Argile. Il motivo della mia curiosità è principalmente storico. Una passeggiata sulla via Ronchi, infatti, permette di osservare alcuni edifici di notevole interesse storico e architettonico. Questa via è raggiungibile attraverso la via Centese, dirigendosi verso Cento, dopo avere superato il centro storico di Argelato e la Borgata San Giacomo.

Leggi tutto...

Articoli correlati